Opportunità lavorative

Recovery Plan per sbloccare investimenti

461

C’è grande aspettativa anche nel mondo agricolo nei confronti del Recovery Plan, il maxi piano d’investimenti europeo per rilanciare il vecchio continente dopo la brusca frenata a causa dell’emergenza sanitaria mondiale. Secondo Coldiretti, la gestione delle risorse idriche e l’agricoltura 4.0 potrebbero creare «fino a un milione di posti di lavoro nei prossimi dieci anni». Per Ettore Prandini, vertice nazionale dell’associazione agricola, la digitalizzazione dei lavori nei campi, progetti per un minor e più consapevole utilizzo delle acque in agricoltura, investimenti in bioenergie e nella lotta ai cambiamenti climatici con un programma di rimboschimento delle nostre città sono soltanto alcune delle opportunità che il Recovery Plan offre all’Italia. Tanti i progetti che sono stati elencati nel corso dell’assemblea annuale di Coldiretti, come la realizzazione (in collaborazione con grandi aziende come Anbi, Terna, Enel e Eni) di 6 mila invasi nelle aziende agricole, 4 mila grandi invasi consortili, 10 mila nuovi impianti irrigui a basso consumo (con un risparmio del 30% di acqua), ma anche piani per portare la banda larga nelle aziende agricole (con Tim) o dar vita a una filiera della biochimica verde. «Questo strumento è un’occasione imperdibile per superare lo storico squilibrio nella distribuzione dei fondi che ha sempre penalizzato gli agricoltori italiani», concludono da Coldiretti.