Il ruolo della tecnologia nella lotta alla fame

L’Agricoltura 4.0 fondamentale per aumentare le produzioni alimentari nel mondo

501

Secondo la Fao, nei prossimi trent’anni la produzione agricola dovrà quasi raddoppiare per riuscire a sfamare quelli che saranno i dieci miliardi di abitanti del nostro pianeta.

Secondo l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’agricoltura dai terreni sarà necessario ricavare quasi il 70% in più di materie prime, ma dal momento che il suolo adatto ad essere coltivato non è illimitato, nazioni e governi devono sviluppare tecnologie che rendano di più sfruttando meno risorse.

E qui entra in campo la cosiddetta Agricoltura 4.0, la tecnologia applicata alla coltivazione e all’allevamento, che non solo consente d’incrementare la produzione, ma soprattutto di evitare che – lungo tutta la filiera – accadano sprechi e perdite. Sistemi di monitoraggio climatico sono un esempio vincente: grazie a sofisticate App, è possibile ricevere allarmi su potenziali rischi e attivare in tempo reale sistemi di protezione (come pale eoliche per rimescolare l’aria o dispositivi antibrina), capaci di salvaguardare raccolti e produzione.

O ancora, impianti d’irrigazione che si attivano in base alle reali condizioni del terreno, consumando meno acqua rispetto agli impianti tradizionali. 

Dopo un primo rallentamento causa Covid, il mercato dell’Agricoltura 4.0 è ripartito alla grande raggiungendo un valore complessivo di 540 milioni di euro in Italia (dati Osservatori Smart Agrifood del Politecnico di Milano), con una crescita del 20% rispetto all’anno scorso. Ma che rappresenta appena il 4% del mercato mondiale, che si stima valga 14 miliardi di euro. La nuova sfida, però, non è soltanto nel continuare a produrre come si è sempre fatto, ma risparmiando tempo e risorse. È quella di inserire la tecnologia nel processo produttivo, facendola diventare imprescindibile. Ad esempio producendo cibi senza nichel, elemento chimico causa di molte allergie, e sostituendo la chimica (che oggi ancora in molti casi aiuta a mantenere elevati standard di produzione) con la tecnologia, per avere alimenti sempre ottimali, ma più salubri.