Se il pastore è una donna

231

Qualcuna ha lasciato una professione sicura per seguire la sua passione, il suo cuore, mentre altre hanno invece scelto di seguire le orme di famiglia. Secondo un’analisi di Coldiretti su dati Istat, gli allevamenti di pecore condotti da donne in Italia sono circa 5 mila. Un mestiere, quello del pastore, che le nuove generazioni stanno riscoprendo, salvaguardano una tradizione secolare che rischiava di estinguersi nel tempo. Perché le donne non si limitano a gestire un allevamento di pianura, ma s’impegnano a mantenere viva la tradizione dell’alpeggio, del pascolo itinerante. «Sono scelte d’amore quelle delle donne – dicono dall’associazione agricola –. Diventano pastori per amore degli animali e della natura, per proteggere le razze, per non far morire un mestiere che rischierebbe di estinguersi. Diventano più temerari e costanti degli uomini nel perseguire il proprio lavoro».