Un appello alle mamme

Per donare il latte ai neonati prematuri

23
Mother breastfeeding her little baby girl. Breastfeeding and family concept.

Il latte materno rappresenta l’alimento ideale per i neonati prematuri e una protezione ineguagliabile contro le infezioni, tra cui quella da Covid, per la naturale trasmissione degli anticorpi dalla madre al neonato durante l’allattamento, a seguito dell’infezione o della vaccinazione. Una grande opportunità per soddisfare le necessità dei neonati pretermine è rappresentata dalle Banche del latte umano donato (Blud), che forniscono questo alimento ‘salvavita’, quando il latte della mamma è insufficiente o del tutto assente.

Ma la pandemia di Covid ha causato una forte riduzione delle donazioni.

Da qui l’appello della Società italiana di neonatologia (Sin), rivolto alle mamme, a donare.

«Il calo delle donazioni di latte materno – spiega la Sin, in occasione della Giornata mondiale della prematurità – è dovuto a diversi motivi: il timore di recarsi presso le strutture, la sospensione del servizio di raccolta a domicilio da parte di alcune Banche e le incertezze sul comportamento da tenersi per la donazione all’inizio della pandemia. Nonostante ciò l’Italia resta uno dei Paesi più attivi in Europa, con 40 banche dislocate da Nord a Sud. Ci rivolgiamo alle mamme, che più di ogni altra persona possono capire il valore e la generosità di questo gesto: non abbiate timore di donare il vostro latte: una piccola quantità di latte donato può essere un grande e preziosissimo aiuto per un neonato prematuro».