Bocciato il protezionismo

144

L’Unione Europea si è pronunciata contro la decisione dell’Ungheria di bloccare, eventualmente, le esportazioni di cereali per far fronte alla domanda interna di grano e mais,  avviando una procedura d’infrazione nei confronti di Budapest. 

Secondo i dati della Commissione europea non esiste alcun pericolo di approvvigionamento tale da giustificare una misura protezionistica che metterebbe in crisi l’Italia anche per le forniture di grano tenero (25% del nostro fabbisogno) colpendo panificatori, pasticceri e ristoratori.