L’export traina il settore

Mai così tante forme prodotte in un anno

86
traditional pecorino cheese on a chopping board in a market stall in Italy

È l’export a trainare la crescita del settore lattiero caseario italiano, che lo scorso anno ha fatto registrare un volume di vendite complessivo di quasi 4,1 miliardi di euro. Cala, invece, la domanda interna, fortemente colpita dagli effetti dell’inflazione.

Questi i dati forniti in occasione dell’assemblea annuale di Assolatte a Milano, dove il presidente Paolo Zanetti ha illustrato le performance del comparto che nei primi tre mesi di quest’anno ha incrementato del 20% le vendite nei paesi dell’Unione Europea.

Buoni anche i risultati per il mercato fuori dal Vecchio Continente, cresciuto del 9,7% lo scorso anno. Tra i prodotti più esportati c’è la mozzarella, mentre tra le eccellenze Dop il re indiscusso è il Grana Padano (seguito dal Parmigiano e dal Gorgonzola). Restringendo lo sguardo al nostro Paese, da segnalare le contrazioni nelle vendite del latte alimentare (-2,3%) e dei formaggi (-1,5%).