Acquisti alimentari, il prezzo conta?

In Italia la sicurezza dei prodotti resta il primo fattore di scelta

115

Per un consumatore europeo su due, secondo gli ultimi dati diffusi da Eurobarometro, è il prezzo il fattore più importante al momento dell’acquisto di un cibo. Seguono il gusto, la sicurezza alimentare e la provenienza della materia prima. Poi la composizione dei nutrienti, l’impatto produttivo sull’ambiente e sul clima.

Ma in Italia, patria della buona tavola, è soprattutto la provenienza degli alimenti e la sicurezza alimentare a influenzare gli acquisti (59%), seguiti dal gusto e solo dopo dal prezzo finale.

Per quanto concerne la sicurezza alimentare, in testa alle preoccupazioni degli europei ci sono i residui di pesticidi e residui di antibiotici, ormoni o steroidi nella carne. Un numero minore di persone teme le malattie delle piante (11%), l’uso delle nuove biotecnologie nella produzione alimentare (8%) e le nanotecnologie applicate ad essa (5%).

Per gli italiani sono i residui di antibiotici, ormoni o steroidi nella carne (57%) l’argomento più discusso e anche la maggiore fonte di preoccupazione nell’ambito della sicurezza alimentare, seguiti dalle malattie animali (36%).

Bernhard Url, direttore esecutivo dell’EFSA (Autorità europea per la sicurezza alimentare): «Dal nostro ultimo sondaggio del 2019 sono successe molte cose, non ultime una pandemia mondiale e lo scoppio di una guerra in Europa. Tali eventi hanno avuto conseguenze drammatiche, e non sorprende che per molti europei l’aumento del costo della vita influisca più di prima sulle scelte alimentari. D’altra parte la sicurezza alimentare rimane importante per molti di essi, ed è incoraggiante vedere che quasi la metà si preoccupa di mangiare in modo sano nella stessa misura in cui si preoccupa dei rischi alimentari».